Counseling

Cos’è il Counseling

Il Counseling è una relazione d’aiuto fondata esclusivamente sulla relazione interpersonale, l’ascolto e la comunicazione.
La professione di counselor è disciplinata dalla legge n. 4 del
14 gennaio 2013.
Il counseling non è un intervento di cura né di psicoterapia e non rientra nelle attività medico-sanitarie.

Il counseling professionale è un’attività il cui obiettivo è il miglioramento della qualità di vita del cliente, sostenendo i suoi punti di forza e le sue capacità di autodeterminazione. Il counseling non ha finalità terapeutiche, di cura o di diagnosi riservate ad altre figure professionali quali lo psicologo, lo psicoterapeuta, il medico generico e lo psichiatra.

Con il termine “cliente” si intende la persona, la coppia, la famiglia o l’organizzazione che richiede di essere aiutata ad affrontare specifici problemi di natura non psicopatologica mediante un’opera di sostegno che l’accompagni in un processo di crescita personale inerente quella specifica problematica.

Si parla di “cliente”, anziché di “paziente”, per sottolineare il fatto che la persona che si rivolge ad un counselor non è affetta da una malattia, ma semplicemente vive una situazione di disagio, di malessere, di confusione o incertezza che la rende più vulnerabile e desidera ritrovare uno stato di benessere e
migliorare la qualità della sua vita.

Il counseling offre uno spazio di ascolto e di riflessione nel quale il cliente può esplorare difficoltà relative a processi evolutivi, fasi di transizione o stati di crisi e rinforzare le sue capacità di scelta e di cambiamento. 

Per capire meglio che cos’è il counseling, si può ricorrere alla metafora della “messa a fuoco”. Il cliente che si rivolge al counselor si pone dinanzi al suo problema come colui che osserva una fotografia troppo da vicino. L’immagine del fotogramma occupa tutto il suo campo visivo, apparendogli sfuocata, confusa, sproporzionata, opprimente e senza via d’uscita

Il counselor aiuta il cliente a ritrovare la giusta messa a fuoco, a riportare in primo piano aspetti ed elementi che erano rimasti sullo sfondo, ad allargare il suo orizzonte visivo, a guardare le cose da diversi punti di vista, a cogliere nessi e relazioni non percepiti in precedenza, a individuare risorse e capacità fino a quel momento ignorate o sottovalutate, cosicché il cliente, avendo acquisito piena consapevolezza di tutti gli aspetti del suo disagio, è in grado di compiere scelte più consapevoli, più responsabili e più rispondenti ai suoi reali bisogni e sentimenti

Contattaci

Vuoi maggiori informazioni sui trattamenti?
Vuoi dei consigli sul trattamento più adatto a te? Vuoi fare un regalo speciale?

Scrivici e saremo felici di risponderti al più presto!

9 + 1 =